Sincerità e Web: la parola agli Inventati

Si trovano improvvisamente tutti nella stanza. Una grande sala riunioni affacciata sul porto di Ancona. Sta salpando un traghetto per la Grecia.
– Ehm – fa Kyria – come abbiamo fatto a finire qui tutti insieme all’improvviso?
– In che senso? – chiede Edy, ma fa in tempo a parlare che le scappa un gridolino e corre a nascondersi sotto il tavolo.
– – Che combini?
– Ma come che combina, non lo vedi? E’ nuda…
– Nuda? – il Doctor Timo fa per sporgersi sotto il tavolo, ma una secca manata della figlia Martina sulla guancia lo distoglie dalla tentazione.
– Certo che sono nuda. Stavo facendo la doccia, accidenti.
– …
– Io stavo sistemando l’acquario %&@# ho lasciato i canolicchi fuori
– Tieni i cannoli nell’acquario?
– I canolicchi, non i cannoli
– I canolicchi?
– Sì, sono…
– Ehm – la voce si fa strada da sotto il tavolo: è Edy – scusate, non vi sembra il caso di capire cosa stia succedendo, invece di parlare di … cannoli…
– Cannolicchi – la corregge Kyria
– Va bene, ok, cannolicchi. Ma insomma, che succede? – fa il barone Rampante, che sfoggia una mise di felpa grigia da pensionato della DDR. Lo guardano:
– Beh? Lavoro a casa, io. E comunque io lo so perché siamo qui – fa, saccente come al solito
– Lo sai? E che aspettavi a dircelo, che ti portassimo il thè?
– Sì, che aspettavi – fa Edy da sotto il tavolo. Il doctor Timo si impietosisce e si toglie l’impermeabile in stile Marlowe: tieni, metti questo e vieni fuori, dai – lo infila sotto il tavolo e la mano della ragazza, felina, lo afferra. Esce di lì.
– Lo sai che non somigli affatto alla Binochet?
– Mica l’ho scelta io la foto!

1235669605juliettebinoche3
– Silenzio – intima Martina: la piccola si è seduta a capo della grande tavola. – Barone, perché siamo qui? – chiede, con un tono che non ammette esitazioni.
– Oh, beh. È semplice, siamo finiti qui perché si è parlato di noi, in giro per il web, e il nostro autore ha pensato di farci dire la nostra –
– E non poteva chiedercela, che so, via mail?
– Lo sapete come è fatto, a lui piacciono i colpi di scena. E comunque, sono due giorni che queste persone vere discutono del fatto che noi siamo inventati. Li leggo da ieri, e sapeste che rabbia non poter intervenire.
– Perché non potevi intervenire?
– Perché se intervengo su un blog devo prima scrivere all’amministratore che sono inventato. Come sempre. E allora non vale, no?
– Ma – fa Martina incuriosita, con la piccola mano sotto il piccolo mento – ma perché discutono?
– Perché siamo inventati e invece facevamo finta di essere veri
– Beh, in effetti – fa Edy, che non somiglia alla Binoche – non è sbagliato discuterne
– Ma stiamo scherzando? – sbotta all’improvviso Doctor Timo – semmai è il contrario, accidenti: sul web è pieno di gente vera che fa la falsa, e se la prendono con noi che siamo finti e facciamo i veri?


– Non è il caso di far filosofia – lo redarguisce la figlia dodicenne.
– …
– Voi che ne pensate? – riprende il Barone
– Io non saprei – fa Kyria – io sono la più giovane tra gli inventati a parte Martina… che però non è una protagonista… senza offesa eh
– Figurati
– Però, un po’ ha ragione il doctor Timo, no? Cioè, abbiamo fatto qualcosa di male?
– Io direi di si – interviene Edy, seria – in effetti ho riletto un po’ questo blog, e non si capisce proprio bene che siamo inventati…

Escher Drawing Hands
– Ma è quello il bello – sbotta di nuovo il doctor Timo
– Papà! – fa Martina
– Sì dottore, datti una regolata – fa Kyria – non c’è bisogno di urlare
– Ok Ok , scusate, sarà che di discorsi degli umani ne ho sentiti tanti… uff
Il traghetto per la Grecia scompare all’orizzonte.
– Quello che l’autore vorrebbe dai noi – fa il Barone Rampante – è che prendessimo una posizione. Insomma, è giusto che noi personaggi inventati stiamo sui social network, o no?
– Oh beh…- fa Kyria – io ho messo nero su bianco che se mai mi avessero fatto vendere qualcosa o costretto a parlare di un prodotto commerciale me ne sarei andata
– E l’autore che ha detto? – chiede Martina
– Che per lui era giusto. Che anche lui aveva fatto lo stesso con l’azienda-
– E l’azienda che ha detto?
– Che per loro va bene, che era già deciso non si sarebbe parlato di lavoro. Cioè, loro hanno i loro siti, e la pagina su facebook.
– …
– …
Edy si mette seduta, attenta a non scoprirsi. Il Barone si siede semplicemente sul bordo del tavolo, come fosse ancora un ragazzo che occupa le Università.
Il doctor Timo alza la mano, come uno scolaretto. Ma a parlare è Martina.
Ma allora? Se erano tutti d’accordo, che è successo?
– Bambina mia – fa il Doctor Timo, te lo spiego io che è successo. E te lo spiego io perché il nostro simpatico autore ci ha fatti apparire qui tutti assieme senza nemmeno sognarsi di venire anche lui… perché noi glielo avevamo detto
– Come sarebbe glielo avevamo detto?
– Ha ragione – fa il Barone – ricordate? Gli avevamo detto: guarda, scrivi chiaramente sul Manifesto che siamo inventati! Non si capisce bene. Ma quel sapientone niente
– Senti chi parla di sapientoni
– Aaaaah, ancora sta storia perché ho qualche follower in più di te, dai Kyria! Tu metti della musica indecente su blip, chi vuoi che ti si fili?
– Adriano
– Ma Adriano è una persona vera? Sei sicura?
– Certo che è vero. E gli piace Richie Hawtin.

adriano
– Contenti voi.
– Sentite, io vorrei tornare nella mia doccia. Che dobbiamo fare?
– Io ho preparato un documento – fa il Barone, evidentemente davvero infervorato come un presidente di assemblea universitaria.
– Un documento?
– Sì –
– Ma…
– Senti Kyria – fa Edy – lascialo parlare, basta che ce ne andiamo. Io nella doccia e tu ai tuoi cannoli
– Canolicchi
– Sì vabbè, canolicchi
– Allora, ecco il documento:

I sottoscritti personaggi inventati Barone Rampante, Doctor Timo, Edy Sedgwick e Kyria sollecitano l’azienda Amatori, finanziatrice del blog su cui hanno scritto sino ad ora e su cui sono previste loro apparizioni sporadiche in futuro, denominato Viaggiareterraemare, a chiarire immediatamente sul blog stesso la loro natura di personaggi inventati.
Essi non hanno infatti alcuna intenzione di essere considerati veri.

– Non ci pensiamo nemmeno. Ma siamo matti? Avete visto in che mondo vivono?
– Ahahahah, hai ragione Kyria
– Sì, ok. Ma perché dovrebbero darci retta?
– Perché gli conviene.
– In che senso?
– Lo sapete no: in rete, le voci girano… e poi, se non lo fanno, noi scompariamo
– Ma se l’autore se la prende?
– Chi, quello? Ma dai – fa Kyria
– Allora firmiamo? – fa Edy, che inizia ad avere la pelle d’oca per il freddo.
– Si dai, firmiamo.
Uno dopo l’altro, come quattro moschettieri usciti dal cilindro di un mago di serie C, i personaggi firmano il loro documento e, come d’incanto, uno dopo l’altro svaniscono: il Barone Rampante finisce dritto davanti al suo pc, Kyria con il braccio immerso nell’acquario, Edy sotto la doccia che, nel frattempo, è diventata fredda e la fa strillare, e il Doctor Timo e Martina in sala, a sistemare legna per il camino.
– Accipicchia – fa Martina guardandosi attorno – è meglio di Jumper!!

A bien tot… speriamo

Edy, Kyria, Barone, Dr. Timo … e Martina


i Protagonisti

Mi intrometto un momento, non me ne voglia il nostro Paolo…. lo sapete che qui http://www.riminiwebmarketingevent.it/ si parlerà anche un po’ di noi?

Me lo ha detto proprio Paolo: mi chiama e mi fa: dobbiamo fare un intervento al Rimini Web Marketing Event... così mi sono informato. Non me ne intendo molto, ma in pratica si tratta di un grosso evento che riunisci cervelli informatici, cervelli di marketing e operatori di vari settori.

Ci sarà un tale Vaccaro ( io non lo conosco, visto che non mi occupo di certe cose, ma ha un bel blog e mi piace quel che scrive…) che parlerà di come utilizzare i social media nel campo del turismo e pare che alla fine concederà un po’ di spazio alla nostra esperienza… giudicata a quanto sembra degna di menzione. Quindi, più o meno, si parla di noi 4. Domenica mattina alle 10 e 40.

Personalmente, sono un po’ spaventato da tutta la bagarre che si è scatenata con questi social media: sarà la mia ormai veneranda età, ma prima di gridare alla rivoluzione ce ne vuole. Però, mi piace la piega che le cose hanno preso: si va indietro per andare avanti… si lavora un po’ come nel rugby…

Insomma, se lo si volesse spiegare ad un bambino, non sarebbe così difficile come è sentirlo ai convegni: una volta risolto questo paradosso, tutto andrà meglio, no?

Non solo mi sono divertito, ma questa nuovo modo di stare sul web mi piace: andiamo a Rimini dunque, a sentire cosa si dice del nostro viaggetto, del progetto che ci ha coinvolto e, anche, a capire cosa abbiamo fatto di tanto speciale…. :-)

logo_rwme

Non siamo diventati famosi ok… ma c’è ancora tempo :-)

Un saluto

Barone Rampante


Replay i 5 sensi

Mi piace pensare alla vacanza attraverso i sensi, certo che rispondo. Ma non è facile… Bene. Da dove si comincia? Dal più agevole: la Vista. (p.s.: avete fatto caso che se scrivete “vista” su google immagini per tre pagine appaiono solo foto di Windows Vista e nemmeno un’immagine che abbia a che fare con il verbo “vedere”?)

eyeofsauronme8

Al mattino, mi sveglio sempre molto presto: per fortuna dopo mi riaddormento :-) Da quando sono tornata, volto lo sguardo alla finestra della camera e attraverso il vetro mi torna l’immagine del mare invernale, degli stabilimenti dismessi, delle sedie in plastica al riparo dietro le cabine, del cane peloso e beige che precede il padrone sessantenne sulla sabbia… fotogrammi con i quali mi addormento poi serenamente

Ascoltato? Beh, mi spiace, ma qui non posso parlare molto: ecco la cosa più bella che ho ascoltato durante questo viaggio, mentre guidavo in mezzo alla campagna, e fuori c’era il sole, e il finestrino era abbassato, e questa canzone ci stava proprio ma proprio bene

E poi? C’è il gusto. E’ strano, ne ho assaggiate di cose buone in questo viaggio, lo sanno tutti che da queste parti si mangia bene. Ma il gusto che mi rimane dopo un viaggio è sempre lo stesso: sarò una bambina, sarò un’insensibile, una che non capisce niente di cibo e buona tavola, ma quello che mi sento sulle labbra tutte le mattine per un po’ dopo il ritorno è

il gusto di quelle marmellate chimiche degli alberghi, che mangi durante colazioni che così abbondanti non le fai mai, solo in vacanza!!!colazione

Ma cos’è rimasto: il tatto, e l’olfatto…

Sensi che richiedono maggiore attenzione, e concentrazione. Che non credo di essere capace di descrivere… ci proverò, ma non ora.

ciao ciao

Kyria


I 5 Sensi

Stiamo preparando nuove avventure, di cui presto avrete notizia. Ma nel frattempo, dobbiamo ammettere una cosa: un viaggio, un singolo viaggio, non finisce mai.

I nostri amici hanno creato legami tra di loro, si sono conosciuti e, intanto, hanno messo ordine nelle rispettive memorie: il viaggio continua a fermentare dentro la loro testa, i ricordi si solidificano, le sensazioni si riaffacciano all’improvviso.

Pozdrav_Suncu_189_1213363972

Quindi, abbiamo pensato di dare una mano al Barone, a Kyria, al Doctor Timo e ad Edy: perché non finite questa esperienza da casa vostra? Come? Affidandovi ai Sensi:

quale cosa durante questo viaggio ricordate di più di aver

Toccato

Gustato

Sentito / Ascoltato

Visto / Osservato

Odorato?

Chiudete gli occhi, pensateci e… rispondete se vi va. Non è una classifica: non si tratta di scegliere le cose migliori, ma di ascoltare i propri sensi.

Non è così, in fondo, che i ricordi di un luogo assalgono tutti all’improvviso? Attraverso i sensi…

Bene, attendo le loro risposte mentre prepariamo, qui, qualche altra iniziativa.

Paolo


 

Tutti i contenuti del blog Viaggiare Terra e Mare (dove non diversamente specificato)
sono pubblicati sotto Creative Commons 2.5 Italia License.

Viaggiare Terra e Mare un progetto di Amatori Tour Operator - P.I. 02251850422