5 Sensi Una Persona

Non sono brava a distinguere tra i miei sensi, quindi non sarà facile accontentare Paolo: la sua richiesta di descrivere le cose che ci hanno colpito, una per ogni senso, è davvero complicata per me.

Il fatto è che mi capita, spesso, di vedere i suoni, o ascoltare i colori, e so che queste cose le fa il cervello, ma in poco tempo tutti i miei 5 sensi sono allertati, svegli, attivi sulla medesima sensazione.

SEnsi0

Ad esempio, quando mi trovavo a Hvar. Nell’entroterra, sulle alture dalle quali si scorgeva il mare. L’azzurro del mare si respirava salato, e nelle narici era decisamente azzurro. Non poteva essere di un altro colore. E le foglie degli ulivi che riflettevano argentee la luce, erano nello stesso tempo tanti sonagli immaginari: tintinnavano come campanelline, e sollecitavano il mio udito.

Ma non solo. C’era la piccola ghiaia dei sentieri che percorrevo, il terriccio polveroso che sfregavo con le mie scarpe rigorosamente da tennis ma che avevo la netta sensazione di toccare… e quello era il tatto, anche se non mi sono mai chinata a raccoglierne un pugno, ma anche l’udito (frsh frsh) e la vista quando abbassavo il capo nel vento.

Tutti insieme i miei sensi. Non posso negare che gli ulivi nervosi abbiano anche una voce, per chi vuole ascoltarli.

E voi?

Edy


I Miei Sensi

Qualche tempo fa Paolo, il nostro “speaker”, ci chiese di parlare delle emozioni sensoriali provate nel corso del viaggio. Di quello che maggiormete colpì la nostra vista, l’udito, l’olfatto e via dicendo. Un argomento interessante: al giorno d’oggi, forse il cervello è un po’ troppo ingombrante, non trovate? Gli input sono così tanti che quando vediamo, che so, un paesaggio collinare la nostra mente inizia a somigliare a quei blog dove spuntano ovunque popup senza attendere un comando: hai letto qualcosa sulle colline? PUF, spunta il popup… le foto di Giacometti? PUF, un altro. L’economia rurale? ARIPUF. E così via. Ma, soprattutto, il cervello ci dice immediatamente che dobbiamo:

1) Fotografare quel paesaggio;

2) condividere quel paesaggio

Il che è sacrosanto (altrimenti non sarei qui), ma magari, prima, lasciamo viverlo ai nostri sensi. Insomma, vediamo di equilibrare il rapporto cervello-cuore, no?

psicanalisicuorecervello

Con un po’ di ritardo, quindi, rispondo allo spunto lanciato da Paolo. Non ho fotografie, né video, né disegni. La mia è una lista semplice, come quelle della spesa:

La vista: durante il viaggio ho visto uno sperone di roccia che somigliava a un braccio fratturato. Stava dritto su una spalla del Monte Sibilla e lentamente, molto lentamente, veniva circondato da una nebbia fitta. Avete presente il film Fog di Carpenter (non il remake). Ero seduto sull’erba umida, dopo la salita, e non riuscivo a staccare gli occhi da quelle dita di nebbia che si allungavano per afferrare lo sperone. Ero ipnotizzato: la lentezza della scena mi stregava. Finché lo sperone, senza un lamento, è scomparso nell’abbraccio.

Il Tatto: mi piace toccare le cose. Da sempre. Da bambino toccavo ogni superficie, ogni oggetto, ogni tessuto e materiale. Per questo, mi prendevo anche delle sberle. Quindi non è facile scegliere, ma il giorno che passai a Mezzavalle ho incontrato un enorme sasso a forma di testa di cavallo (più o meno…) e lì vicino stava un altro sasso meraviglioso, striato, rosato e silenzioso. Corrotto dal mare, assolato e un po’ goffo, non troppo affusolato, il sasso chiamava la mia mano. Vi poggiai il palmo, ne percorsi le asperità e fu quasi come parlarci. Diceva cose interessanti.

L’udito: senza aggettivi: il suono dell’acqua nel parco di Plitvice alle 7 del mattino.

Il Gusto: questo è facile, anche se un po’ proustiano. Da poco arrivato in Croazia, non resisto alla tentazione di sorseggiare un bicchiere di Maraschino. La cosa mi proietta in un istante a quando, ancora bambino, me lo facevano assaggiare in famiglia, tra una fase e l’altra della preparazione di un dolce.

Maraschino

L’Olfatto: a questo punto scadrò direttamente nel banale. Vorrei parlare di mirra, o spezie esotiche, o afrore di una bettola di periferia, fumo di un sigaro scadente, che so, una cosa alla Chandler. E invece, che bisogna dire, se non dell’odore del mare che ha quasi riempito ogni momento del mio viaggio? Non sono abituato al Mare, preferisco passare il tempo all’interno, nelle valli e sui monti. Ma poi questa cosa quasi sacra che occupa gran parte del pianeta si presenta in tutte le sue forme: entra negli occhi, ma soprattutto nel naso. E si respira, e bisogna, prima o poi, tornare a resporarlo. Sì, il mare è l’odore per eccellenza. Altroché.

Hanno partecipato però al concorso anche, tra gli altri:

il manoscritto de l’Infinito di Leopardi (vista), la sigaretta da esportazione di un tizio che aspettava con me dal benzinaio a Zadar (olfatto), il profumo alla vaniglia di una signora in fila avanti a me in banchina (olfatto), il fatto di non poter toccare stalattiti e stalagmiti delle grotte di Frasassi, che faceva prudere le dita (tatto), il pollo arrosto che non sarebbe speciale, se non lo mangiassi nel mezzo del parco (gusto)…….. e molto altro :-)


Darsi da Fare

Allora, eccoci qui. Mi hanno invitato ad aggiornare i miei giretti per le Marche. In effetti ho parlato con molta gente. Sì. Ma non ho girato molto. Però devo aggiornare questo spazio, finché ci sono, su un po’ di cose: avevo parlato delle Marche come di una regione non solo da visitare, ma da conoscere anche nelle persone. E per iniziare avevo citato un po’ di gente, promettendo nuove interviste. Le interviste arriveranno, intanto, dei ragazzi già sentiti, il postodellefragole ha realizzato un nuovo, bellissimo video per gli Offlaga Disco Pax. Il protagonista del video, quel ragazzo decisamente sciolto che vedete, si chiama Lizard :-D

Lode anche, in attesa di poterla intervistare, alla anconetana Lucia Mascino, una grande attrice, sul serio, ve lo dico io: Lucia è nelle sale con un film molto discusso, ne avrete sentito parlare…

La-prima-linea-locandina

Oh… non è che vogliamo fare i provinciali e vantarci di tutto quel che viene fatto nelle Marche: solo che, per quel che mi riguarda, sono convinta che la linfa di una regione si debba riconoscere anche in queste cose. E poi, chiedersi perché magari, come abbiamo fatto qui

A questo proposito, faccio ancora un po’ di adulazione… Qualche tempo fa ho intervistato su questo blog Michele Monina : è stata una bella passeggiata e una gran chiacchierata. Ora, Michele è uscito nelle librerie con un mucchio di libri… non voglio fare pubblicità ma, diciamolo, se i libri fossero usciti al momento dell’intervista eccome se ne avrei parlato, quindi credo di poterlo fare ora.

Uno dei suoi libri è su Vasco Rossi

7528_1247972005333_1410438704_30713887_1683130_n

Ehm, probabilmente lo avrei letto caro Michele, ma per ora, lo ammetto, devo aspettare che mi passi l’isteria per aver sentito una mattina in un bar la versione di Creep dei Radiohead storpiata in quel modo… uhmmm, spero non me ne vorrai… passerà. Onore a Vasco, naturalmente, anche se non è proprio nelle mie corde.

Però, siccome ti conosco come critico musicale, non ho dubbi sulla riuscita del libro.

Invece, quello che mi intriga di più è questo:

10616_1251239767025_1410438704_30724072_7858066_n

Di cui qui si parla davvero bene. Ma non è finita, il buon marchigiano Michele, confermando suo malgrado la nomea della gente di questa terra, stakanovista e iperattiva, cocciuta e avvezza alla fatica, oltre che occuparsi dei suoi pargoli è riuscito a concludere anche una fatica su un quasi conterraneo

valentinoInsomma, posso tranquillamente concludere che:

1) la gente di qui non sta con le mani in mano;

2) ho iniziato intervistando le persone giuste :-D

3) vivo in una terra fertile, alla fine…

Il buon Michele mi ha promesso aggiornamenti sulle sue attività. Non capisco bene come troverà il tempo anche di aggiornarmi, ma casomai accadesse, questo blog lo saprà…

Ora, altri incontri mi aspettano, e non tarderanno ad apparire.

Intanto, per quanto non disdegni, qualche volta, le cover, mi godo l’originale, ihihihihi:

E appena posso, un altro giro per le Marche :-)

Kyria


 

Tutti i contenuti del blog Viaggiare Terra e Mare (dove non diversamente specificato)
sono pubblicati sotto Creative Commons 2.5 Italia License.

Viaggiare Terra e Mare un progetto di Amatori Tour Operator - P.I. 02251850422