La Favola del Gelso Magico #1

Gli alberi di gelso nelle marche sono come generali di un’armata scalcinata. Rimasti soli nei campi, utili secondo alcuni solo a fare ombra. relegati lontano dai nervosi, fruttiferi ulivi.

Avevano affollato le campagne, quando i piccoli bachi erano essenziali. Poi, le cose cambiano. Qualche contadino ne ha tenuto uno: per ripararsi dal sole. Per riposarci sotto.

Ma il gelso è anche una favola triste e bella:

due giovani babilonesi, Piramo e Tisbe, si amavano alla follia. Un giorno la bella Tisbe andò a bere da una sorgente accanto alla quale si trovava un gelso, i cuoi frutti bianchi arrivavano a terra. Una tigre, rossa del sangue della vittima precedente,  la vide, ma la fanciulla riuscì a nascondersi in una grotta. Nella fuga, lasciò cadere a terra il proprio velo e la tigre, furiosa, lo fece a pezzi con artigli e morsi.

Tintoretto: Tisbe e Piramo

Piramo, poco dopo, giunse sul posto e vedendo il velo stracciato dalla tigre pensò che la sua amata fosse stata uccisa dalla belva. Disperato, sguainò la propria e si trafisse il cuore. Tisbe allora accorse, e riuscì a fargli aprire gli occhi un’ultima volta. Poi lui morì ed anche lei si uccise e il gelso, intriso del sangue degli amanti, da allora produsse frutti vermigli. Le more del gelso.

Una storia triste (vi ricorda qualcosa vero?), ma che si addice a questa pianta che viene dall’Oriente e che tanto ha contato nella vita di questa terra.

E il gelso, o moro, è anche una magia. Di questo, però, si parlerà nel prossimo post!! E lo vedrete!

Valeria e il suo gelso magico vi aspettano

 

Lascia un commento


+ 6 = sette

 

Tutti i contenuti del blog Viaggiare Terra e Mare (dove non diversamente specificato)
sono pubblicati sotto Creative Commons 2.5 Italia License.

Viaggiare Terra e Mare un progetto di Amatori Tour Operator - P.I. 02251850422