Cartoline di parole #29: Daniele

Un bicchiere di caldissimo tè, ornato da un consunto profilo dorato, poggia sull’instabile tavolino in ferro, relegato nell’angolo destro del terrazzo più alto di un decrepito bar di Bukhara.
Sulle volute di fumo che si alzano davanti ai miei occhi, si aggrappano luminosissime stelle che nella magia di un attimo paiono scrostarsi dal nero standard di un cielo eccessivamente lontano, per rendere magico un momento inatteso.
Ancora oltre il velo di vapore, il minareto a guardia dell’inestimabile piazza-tesoro in refrigerante pausa lunare, proietta una flebile ombra sulle maioliche di madrasse antichissime. La volta stellata è l’unico testimone del fruscio di rari, umbratili passanti sul pavimento bianco di luna, mentre lontani latrati premono sulle pareti dei silenziosi, dormienti caravanserragli, incardinati su incroci deserti e polverosi.
Respiro leggenda dalle stinte pareti: a queste latitudini l’odore di storia arriva sempre in vortici intermittenti.

(Daniele Canonici)

 

Lascia un commento


6 + otto =

 

Tutti i contenuti del blog Viaggiare Terra e Mare (dove non diversamente specificato)
sono pubblicati sotto Creative Commons 2.5 Italia License.

Viaggiare Terra e Mare un progetto di Amatori Tour Operator - P.I. 02251850422