TAGGA NOVALJA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo il successo del concorso Tagga la Croazia,  Amatori Traghetti e Vacanze lancia un nuovo concorso fotografico, TAGGA NOVALJA, che premia chi ha deciso di trascorrere quest’estate sull’Isola di Pag, e in particolare sulla spiaggia di Zrce.

Partecipare è semplice: se hai fatto o stai facendo una vacanza a Novalja e hai un account facebook dove pubblichi le tue fotografie, inserisci su quella che preferisci la tag @Novalja.it o condividila direttamente sulla bacheca della nostra pagina facebook novalja.it

Una giuria composta dallo staff di Amatori sceglierà la fotografia che rappresenta meglio l’idea di vacanza a Novalja. L’autore della fotografia vincerà un nuovo soggiorno a Novalja per l’estate 2014!

Leggi il regolamento del concorso sul sito www.novalja.it e partecipa!


La fotografia di viaggio

“Un vero viaggio non è cercare nuove terre, ma avere nuovi occhi” – oppure “Le persone non fanno viaggi, sono i viaggi che fanno le persone”. La prima è di Marcel Proust, la seconda di John Steinbeck. I grandi scrittori ci dicono spesso verità.

Lo fanno anche i grandi fotografi e in un tempo come il nostro, in cui lo spostamento, il movimento, il passaggio da un luogo a un altro sono le caratteristiche del vivere sociale – facciamo viaggi, cambiamo città, visitiamo persone, prendiamo treni, auto, aerei, metropolitane, ma anche ci spostiamo da un lavoro all’altro, e da un sito all’altro, tra i blog, tra le bacheche di un social – la fotografia è eminentemente quella di viaggio.

Per questo, al termine dei suoi intensi giorni ai quali non abbiamo potuto partecipare – speriamo di rifarci nella prossima edizione – vogliamo rendere omaggio a un appuntamento di grande spessore che si svolge in una delle più belle città italiane, Cortona.

Si tratta di Cortona on the move, festival della fotografia di viaggio. Immagini in cui le persone diventano luoghi e viceversa, le architetture sono prima di tutto interiori e le società sono corpi da scavare per individuarne, miracolosamente, le ragioni e i meccanismi. Tutto questo in una solo foto?

Sì, tutto questo il una solo foto. Perché, diceva Proust, “un vero viaggio non è cercare nuove terre, ma avere nuovi occhi”.

Il festival ha riscosso un grande successo offline e online, pare. E non crediamo sia solo perché, oggi, la fotografia sembra essere il discorso maggiormente utilizzato. Crediamo sia perché in questo movimento continuo che riguarda le nostre esistenze una fotografia ci permette di trattenere l’ombra, l’orma - per dirla con Barthes – del nostro continuo spostarci. Ci ferma lì, noi e il luogo, quando ormai siamo già andati.

Un plauso quindi e un arrivederci a Cortona on the Move, prova, e non la sola, che le cose da fare sono tante ed è ora di metterci la buona volontà, l’ingegno… l’altruismo e la fantasia.

Le foto pubblicate in questo post sono prelevate dal sito del festival e sono nell’ordine di:

Vincent Fournier

Giulio Di Sturco

Anoek Steketee

 

Paolo

24 luglio 2012

0 commenti

lascia un commento


#19 La cartolina di Franca

Ponte di poppa.schiuma di scia.un sole stanco s’inzuppa sull’acqua a salutare il giorno che muore.
In cima, un velo di luna, appare.Nell’aria l’odore del sale, nel cuore il pensiero di te.

Franca Locci


#18 La cartolina di Chiara

Cambogia. Mercato coperto di Phnom Penh. L’umidità è ovunque, penetra fin dentro le ossa, rende vischioso ogni gesto, perfino la volontà ne risulta annacquata. Qui non si cammina, piuttosto si annaspa, fin quando si inciampa nel sorriso cambogiano che ho scoperto originare dall’imbarazzo non già da un sentimento di simpatia.
I cambogiani sorridono come i Budda di Angkor, imperturbabili giganti di pietra che oggi ricordano i tempi d’oro che hanno disegnato la storia antica di questo popolo nonostante il regime di Pol Pot.
Tra gli odori di zuppe di pollo e pesce speziati che definiscono l’identità olfattiva dell’Asia, in mezzo a bancarelle la cui mercanzia è appena intuibile sotto i nugoli di mosche e insetti, quel sorriso ti arriva dentro marchiandoti in maniera indelebile, più dell’umidità, più di ogni altra esperienza che puoi fare. E ti chiedi il perché di così tante ferite e di questa profonda povertà.

Chiara Canonici


#17 La cartolina di Mary

Sulla terrazza della “nostra nave”..
Immersa coi pensieri nelle onde del mare vidi dei delfini che con maestranza accompagnavano la nostra momentanea casa gallegiante.
Per alcuni minuti continuarono a deliziarci con le loro capriole, a confondersi con le onde.. quasi a salutarci.
In quel preciso istante pensai che una foto non avrebbe mai reso l’idea del mio stupore.
Nel posto giusto.. al momento giusto, una foto riesce a “scriversi” da sola!

Mary Mengoni


 

Tutti i contenuti del blog Viaggiare Terra e Mare (dove non diversamente specificato)
sono pubblicati sotto Creative Commons 2.5 Italia License.

Viaggiare Terra e Mare un progetto di Amatori Tour Operator - P.I. 02251850422