PARCO DEL DURMITOR

Ultima tappa in Montenegro, torniamo ad immergerci nella natura!! Ci dirigiamo a nord est, dove si trova il Parco Nazionale Durmitor. Questa è una delle aree protette più antiche del Montenegro, visto che già nel 1907, ai tempi del Re Nikola, questo territorio fu proclamato riserva reale. Lo spettacolare canyon del fiume Tara, i 18 laghi di origine glaciale (chiamati dalla gente del luogo ‘occhi della montagna’), le cime montuose, le cascate e la natura intatta di questo Parco Nazionale lo rendono una delle mete turistiche più interessanti del Paese. Il più grande e più bello di essi è il Lago Nero. Esso deve il suo nome al riflesso della foresta sempre verde di pini che lo circonda. La cima impressionante di Međed, che sorge proprio sopra il lago, domina su tutto questo paesaggio fiabesco.

Pensate che per la sua singolarità questo parco è stato dichiarato non solo Parco Nazionale ma anche patrimonio mondiale dell’UNESCO  ed è  l’unico parco nazionale del Montenegro ad aver ricevuto questo doppio riconoscimento internazionale.

Il più grande e più bello di essi è il Lago Nero. Esso deve il suo nome al riflesso della foresta sempre verde di pini che lo circonda. La cima impressionante di Međed, che sorge proprio sopra il lago, domina su tutto questo paesaggio fiabesco.

All’interno di questo Parco dalla bellezza rara e selvaggia vi sono due regioni con una gestione speciale di protezione: il Canyon del fiume Tara (che con i suoi 1300 metri di profondità è il secondo canyon più profondo al mondo dopo quello del Colorado),  e la foresta Crna Poda. (riserva primordiale di pini neri).

 

 

 

 

 

 

 

La piccola città di Zabliak, sede amministrativa del Parco, è un’importante centro turistico, dalle significative capacità ricettive sia in hotel sia in case private. D’inverno si trasforma in un attrezzato centro sciistico, mentre d’estate mette a disposizione dei turisti diverse infrastrutture sportive. Tantissime sono gli sport che si possono praticare nel parco di Durmitor: alpinismo, sci, parapendio, ciclismo alpinistico, free climbing, rafting e kayak, passeggiate a cavallo, perfino rally in fuoristrada, c’è solo l’imbarazzo della scelta! Durante la stagione estiva è anche possibile fare trekking per parecchi kilometri su sentieri tracciati (con o senza guida). Sul luogo è facile trovare delle cartine escursionistiche con tutti i sentieri segnalati, tra cui i più battuti sono:

  • Crno jezero – Zminje jezero (1 ora)
  • Crno jezero – Jablan jezero (2 ore)
  • Crno jezero – Ledena pecina (grotta di ghiaccio) (3 ore)

Tra le mete naturalistiche, vi consigliamo di visitare la suggestiva Grotta di Ghiaccio (Ledena Pecina), al cui interno anche in piena estate potrete trovare un paesaggio incantato di stalattiti e stalagmiti ghiacciate (attenzione all’abbigliamento quindi). A pochi km da Zabliak si trova inoltre il più bello tra i laghi glaciali, il Lago Nero (Crno Jezero), che deve il suo nome alla foresta di pini neri che lo circonda. In inverno è coperto da ghiaccio, mentre in piena estate le sue acque si riscaldano fino a 20 gradi, consentendo ai turisti di nuotare nel lago. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oltre alle passeggiate, una delle attività praticate più di frequente è il rafting lungo il fiume Tara. Avventurarsi nelle strettoie e nelle rapide del fiume è forse il modo migliore per conoscere la bellezza del canyon più prfondo d’Europa.

Il rafting si può praticare sia sulle tradizionali zattere di legno che si usavano secoli fa per trasportare merce e bestiame lungo i fiumi balcanici (se siete interessati  a questo tipo di esperienza vi potete contattare l’associazione “Adem Pendek”, che riunisce alcune famiglie che si tramandano di generazione in generazione l’arte di costruire e guidare zattere) che con i gommoni, e le attività vengono organizzate sia dal Parco che da altre agenzie/organizzazioni. Il periodo più sicuro per praticare questo tipo di attività (a meno che non siate dei veri e propri esperti)  va dai primi di luglio fino a metà settembre, quando il livello delle acque del fiume non è troppo pericoloso. Per finire, se siete appassionati di fotografia, non perdetevi la località Skrka; famosa per la sua ricca fauna, offre la possibilità di effettuare interessanti safari fotografici tra camosci, cervi e orsi (attenti a rimanere sempre a distanza di sicurezza!).

Il virtual trip del Montenegro finisce qui, spero di avervi dato qualche buono spunto per le vostre prossime vacanze. Ad agosto saremo in Slovenia, per una settimana di vacanza con famiglia a seguito (stavolta il viaggio è vero). Piccola incursione nella regione Dolenjska, dove visiteremo le terme, il Castello di Otocec, la città di Novo Mesto e per finire Lubiana. Vediamo se è vero che la Slovenia è un paradiso per bambini :)

 


 

Tutti i contenuti del blog Viaggiare Terra e Mare (dove non diversamente specificato)
sono pubblicati sotto Creative Commons 2.5 Italia License.

Viaggiare Terra e Mare un progetto di Amatori Tour Operator - P.I. 02251850422