Armonia

IMG_0545.TROGARCAMAAGE copia

Siamo sulla via del ritorno. La nostra ultima visita è a Trogir, che le guide della Croazia definiscono “gioiello”, “perla”, “meraviglia”, “tesoro” del Paese. Dopo ci avvieremo verso un traghetto della Jadrolinija, la compagnia di bandiera croata, che ci porterà ad Ancona. Ci godremo il rientro, se così si può dire (ad ognuno le sue considerazioni) e a quanto so lunedì mattina ci incontreremo tutti quanti per raccontarci un po’ di impressioni e sensazioni.

Trogir_panorama_1024x760

Durante il viaggio, ci sembrava una bella idea tenere Trogir per la fine: come un bambino davanti a un cabaret di pasticcini che si tenga per ultimo quello con dentro il cioccolato fuso e panna tutt’intorno :-P

Ora, però, non credo più sia l’idea migliore, proprio come accade a quel bambino, che mentre si divora la sua pasta prediletta pensa, inevitabilmente:

– avrei dovuto mangiarla per prima per gustarla appieno!

In effetti, visitarla per ultima significa:

1) faticare più del previsto quando è il momento di partire dal Paese;

2) avere la mente già colma di altre cose belle, brutte, eccezionali viste nei giorni precedenti e sentire invece questa città che spinge per occupare spazio nella vostra mente (il bambino con le paste);

3) avere già in mente la propria casa, il che è inevitabile un giorno prima della partenza, e improvvisamente innamorarsi di un altro luogo: come se Johnny Depp vi facesse una dichiarazione di amore mentre andate verso l’altare con un altro uomo… :-(

johnny-depp-20080626-429260

Mirko sa esattamente di cosa parlo. Non credo di averlo già detto, ma lui ha vissuto gli effettivamente pochi anni della sua vita in molti luoghi: colpi di fulmine geolocalizzati, li chiama: si innamora di un luogo e ci rimane finché può. Parigi, Cadice, Helsinky…

Trogir dunque è questo spettacolo di pietra, stradine, viuzze, piazze e campanili che sinceramente ha poco da invidiare persino a Venezia. Ancora una volta mi trovo di fronte a una città paradossale: così piccolo il centro, e così monumentale. Ci si chiede come si sia potuto pensare di racchiudere statue, palazzi, capitelli, bifore, trifore, campanili, facciate, navate, transetti tutti in questa specie di isolotto legato al continente da un cordone ombelicale artificiale.

IMG_0541.TROGARCAMA copia

Chi può avere avuto un’idea così balzana?

Il fatto è che, recita rigoroso Mirko dopo aver consultato la guida nel corso della notte, nel medioevo la storica Traù

– era una città attivissima, ricca di commercio e fiorente come e forse più di Venezia

(lo si vede dalla cattedrale di San Lorenzo, costruita in un romanico dolce e ondulato come solo in oriente sa essere il romanico e poi arricchita da cappelle e ornamenti quattrocenteschi di una bellezza mozzafiato)

– e anche nel rinascimento non fu da meno, avendo accumulato parecchio credito nel mondo, e molti la paragonavano proprio alla Serenissima per fascino e bellezza

– Parli come un libro stampato

– Grazie

– Umpf, non era un complimento

– Sembrava

IMG_0513.TROGARCAMA copia

Un’altra controindicazione nel tenersi Trogir per la fine del viaggio: iniziamo ad essere avvinti da una specie di piccola, discreta malinconia perché, al nostro ritorno, qualcosa dell’affiatamento guadagnato nel corso del viaggio andrà perduto. Come sempre accade, ahimé.

– Allora, sapientone, quella cos’è?

– Facile: la Loggia pubblica. Pensa, è del 1310… no, del 1308…

Quello che si nota, che si respira, è un’atmosfera di grande civiltà. Doveva essere un centro civilissimo già nel medioevo, questo, caratterizzato da traffici di merci, genti e religioni. Lo si deduce dal fatto che spazi così piccoli sembrano invece tanto grandi, come se le pareti e le strade respirassero con tranquillità, senza affanno, senza paura e senza diffidenza. Esistono luoghi così: passeggiandovi attraverso, si percepisce l’armonia.

E ci si ferma, incantati, con la sensazione che qualcosa ci accadrà.


Corona

twitter

Sono rimasto un po’ a twittare con @ivocingolani e @immaginoteca a proposito del parco dei sibillini, che è, a detta nostra, sottovalutato :-)

Il mio viaggio in traghetto, giorni fa ormai, è stato piuttosto piacevole: si parte la sera e si arriva al mattino, intravedendo poco prima la costa frastagliata. Un po’ confusa, al momento, la situazione del porto di Ancona, che ha la stazione marittima lontana dagli imbarchi e, più precisamente, vicino al grande edificio della Fiera. Non lo sapevo, come non lo sapeva la maggior parte della gente, perciò si è creata un po’ di confusione.

portoancona

– E’ che abbiamo cambiato da poco – mi dice un impiegato della Jadrolinija, la compagnia croata che mi deve portare dall’altra parte – ci sono un po’ di cose da aggiustare credo

Crede bene, ma alla fine tutto ok. Riesco anche a fermarmi a fare un drink in un affollato bar del porto prima di imbarcarmi.

800px-JadrolinijaZadarAncona_gobeirne

Dopo di ché è stata una sorta di corsa tra strade lastricate in marmo e chiese del Quattrocento, giardini e soprattutto mare. Fa caldo ancora, e si può fare una nuotata: scelgo, tra le mete che mi sono stata suggerite, quelle che dovrebbero essere davvero indimenticabili: l‘arcipelago delle Kornati, o Incoronate, e il Parco dei laghi di Plitvice.

Ora che alle Kornati sono stato ne devo parlare, ma non è semplice. Ormai sarà chiaro che ho un debole per le similitudini, ma qui i luoghi non somigliano a molto. E il fatto di essere ancora, spero l’ultima volta, in differita mi crea qualche scompenso: sono tutto preso dai laghi e parlo delle Incoronate. Ok.

kornati dall'alto

kornati dall'alto

Il giro alle Incoronate si fa su una piccola barca che, in alta stagione, deve risultare un po’ affollata… al momento, fatta eccezione per un vento impietoso, non siamo molti e si sta abbastanza larghi. I croati che governano l’imbarcazione ci offrono cibo e soprattutto grappa, che trangugiano anche loro con una certa tranquillità… chissà se tolgono i punti anche in mare, o se ti fanno il palloncino :-)

Non bisogna guardare troppo loro, né i compagni di viaggio, ma osservare intorno queste isole e isolotti che somigliano a brani di un corpo divino che fuoriescono dall’acqua: come là sotto si trovasse un animale sconosciuto, che muovendosi lasci intravedere in superficie un’anca, un gomito, una spalla, un seno… sono desertiche e asciutte, il colore è idnefinitamente bruciato, arrosto e ruggine, con qualche rara chiazza verde qua e là. Dove c’è un po’ di sabbia schiarisce, ma appena appena, come uno scemare di abbronzatura.

kornati

Il problema della visita è il tempo: i barcaioli sono abbastanza rigidi e ci lasciano sostare su una spiaggia un’ora scarsa, prima di richiamarci all’ordine. ma ne valeva la pena: le isole sembrano una cosa viva, in simbiosi con il mare, e l’assenza di abitati è così sorprendente in un posto tanto bello! Una volta scesi dalla barca ci disperdiamo lungo una spiaggia stretta e raccolta, con alle spalle praticamente il nulla. Mi tuffo.

Dicono da queste parti che le Kornati siano lacrime di Dio versate dopo la creazione. L’immagine è suggestiva, e per certi versi sono dorsi di gocce rovesciate in mare dall’alto, per altre solidi emersi: si potrebbe girare per giorni in questo arcipelago, e difatti, pur essendo a fine settembre, incrociamo alcune barche a vela che non sembrano aver fretta di andarsene da qui.

D’altronde, al sole si sta meravigliosamente bene.

So long, Barone Rampante


Mezzavalle rules

Quelli che sponsorizzano questo blog, Amatori, alla riunione mi aveva proposto di fare un giro in barca lungo la riviera del conero, prima di imbarcarmi per la Croazia.

– Potrebbe essere una prospettiva interessante – hanno detto.

Avevano ragione, ma ho detto che, avendo a disposizione poche ore, avrei preferito scendere con le mie gambe a Mezzavalle, dove non andavo da molto tempo. Visto che siamo liberi di fare quel che preferiamo, nessuno ha protestato.

spiaggia

Scelgo quindi il sentiero più breve, e più ripido per arrivare a Mezzavalle. Quando venivo qui, 6 o 7 anni fa, la spiaggia era meno frequentata di quanto sia ora: colpa delle tante barche che la gente si è comprata e con le quali può arrivare qui comodamente, senza bisogno di affrontare lo “stradello“.

Lo “stradello” è una cicatrice ripidissima lungo il monte, fiancheggiata da staccionate in legno e sezionata da scoli per l’acqua sempre in legno; da un lato è spesso aperto e si affaccia sul mare. Dall’altro rovi, piante, foglie, rami ti carezzano i capelli. Mentre scendi, pensi già a quanto sarà faticoso risalirlo, ma se curvando guardi oltre ti accorgi che ne varrà la pena.

Vado spesso al mare, e non mi interesso molto della spiaggia: mi piace nuotare. Ho sempre pensato a Portonovo come una spiaggia speciale, così nascosta dal monte e sul monte costruita, con la falesia a due passi dai bagnanti, i sassi lisci e tondi, le onde che si mangiano la terra ad ogni cambio di stagione. Ma ho sempre pensato a Mezzavalle come al prototipo di spiaggia.

E’ divisa da Portonovo da un lembo d’acqua che sarebbe facile colmare con un molo di cemento, o con una passerella lunga… e però non succede, perché da queste parti vogliono che Mezzavalle rimanga quel che è. E cos’è?

Una spiaggia lunga un paio di chilometri senza un ombrellone, senza una sdraio, senza un lettino, senza uno stabilimento, con la vegetazione che le si rovescia addosso dal monte e, ai due lati, la falesia che si immerge al mare come un animale. Colori di piante, qualche capanno male in arnese con la sua canoa, un bagno in cemento come unica risorsa e un bar ristorante dai prezzi sfacciatamente monopolistici. Il resto è mare e monte.

Come ho detto, sono aumentate le barche, e quindi capita in giornate come questo sabato di fine settembre, particolarmente assolato, di vedere un po’ di traffico in mare. Non è il massimo, ma vale comunque la pena: la roccia qui è di una bellezza straordinaria, e c’è spazio a sufficienza per rimanere isolati dal resto della gente.

IM_A0037

Una volta venni qui in maggio e scoppiò un temporale. C’erano onde alte, entro i limiti concessi dal mare adriatico, e l’acqua si era mangiata tutta la spiaggia sino alle pendici del monte: dovevo camminare su un fazzoletto di terra rimasta.

Un’altra volta, prima di entrare in acqua, mi accorsi di qualcosa che il mare aveva portato. Mi chinai e la raccolsi. Era un pupo da biliardino con la maglia della Jugoslavia.

Questa sera devo prendere un traghetto. Per ora mi distendo qui un paio d’ore, con lo sciabordìo del mare nelle orecchie.

So long, Barone Rampante


 

Tutti i contenuti del blog Viaggiare Terra e Mare (dove non diversamente specificato)
sono pubblicati sotto Creative Commons 2.5 Italia License.

Viaggiare Terra e Mare un progetto di Amatori Tour Operator - P.I. 02251850422