Supernova Staff Top 5

Del Supernova si è parlato già molto. Tra gli altri, i costruttivi commenti di Adriano, Jonathan e Ilaria, ma anche i numerosi post sulla pagina fb del festival che testimoniano la riuscita di questa prima operazione musical-vacanziera. E sta per arrivare la ricca documentazione ufficiale…

Sarebbero quindi tutti bravi a iscrivere nella top five la prodigiosa tecnica di Timo Maas, i folgoranti video della coppia Kaplan Project, l’afterbeach a base di schiuma+tequila e la meravigliosa spiaggia di Zrce che s’illumina al salire del sole.

Noi dello staff abbiamo deciso di formulare invece una top 5 un po’ particolare, per così dire. A costo di rimetterci quel che rimane della faccia…

5: i pipistrelli di Slok.
Il dj italo-parigino Slok aveva pensato di occupare un appartamento da solo e si è trovato invece in compagnia di due bestiole volanti nella camera da letto. Non essendo tipo che si spaventa facilmente, Slok ha fatto spallucce di fronte alla proposta di un cambio di appartamento da parte dello staff e si è accontentato di andare a riferire il fatto alla padrona di casa che in tutta risposta ha esclamato sorridente “Oh yes! Flying Mouse!” e ha messo nelle mani dell’incredulo dj un retino acchiappa-pipistrelli. Voto: 8 a Slok per il sangue freddo e per aver riso di gusto di tutto l’accaduto, 7 alla padrona per essersela cavata, 10 ai pipistrelli.

4: l’uomo albero.
E’ rimasto per ore nel parcheggio dell’Aquarius, mimetizzato perfettamente tra i rami del povero alberello. Voto: 3 al pusher, 8 per l’equilibrio e la costanza degni di un monaco shao-lin.

3: l’autista d’autobus
Se il venerdì tra le 20 e le 21 e 30 aspettavate l’autobus che collega la spiaggia di Zrce al paese di Novalja… beh… scusate: eravamo d’accordo con la compagnia per garantire la continuità del servizio, ma non avevamo calcolato la pausa cena dell’intraprendente autista… Voto: 5 alla compagnia degli autobus (che ha poi rimediato), 8 all’autista che bel bello se n’è andato a cena fregandosene delle 50 persone impalate alla fermata.

2: le pecore di Ellen
Il prode Lorenzo dello staff Amatori era ormai all’ennesimo viaggio per l’albergo che ospitava i nostri dj. Si avvicinava l’alba e iniziava a sentire sulle spalle le quattro ore scarse di sonno dei due giorni precedenti… tra sé e sé pensava: ora porto in albergo Ellen Allien e filo dritto a nanna. Non aveva fatto i conti con il terrore di Ellen di investire qualche pecora di Pag: “the sheep, the sheep, care for the sheep” ripeteva la dj, costringendolo a procedere a passo d’uomo assonnato per i 20 km che lo dividevano dall’albergo. Voto: 8 a Lorenzo per la sua capacità di accoglienza, 10 alle pecore di Pag, tutte sopravvissute, 8 agli occhiali nerissimi di Ellen, altro che vedere le pecore di notte!

1: Terzoni
–    Ho lasciato i documenti sul comodino dell’appartamento
–    Ma come? Li hai scordati?
–    Eh sì. Però ho la tessera Arci.
Voto: n.g.

 

Aggiungete nei Commenti le vostre chicche, se volete

 

 

 

 

 

 


 

Tutti i contenuti del blog Viaggiare Terra e Mare (dove non diversamente specificato)
sono pubblicati sotto Creative Commons 2.5 Italia License.

Viaggiare Terra e Mare un progetto di Amatori Tour Operator - P.I. 02251850422